Aumenta il valore del Bitcoin, ma anche l’energia per produrlo

Il sito Digiconomist ha verificato il trend di consumo energetico associato alla creazione di Bitcoin nel mese di ottobre. L’incremento della criptomoneta in circolazione sembra registrare un tasso di crescita vertiginoso e costante. Il mining di Bitcoin (una sorta di “coniatura” della moneta virtuale”, che avviene risolvendo i blocchi della blockchain, è un processo che prevede calcoli impegnativi e risoluzioni di algoritmi complessi. Le macchine impiegate, messe sotto sforzo, consumano ingenti quantità di elettricità, primo vero fabbisogno necessario a garantirne la corretta diffusione. La correlazione tra diffusione della moneta virtuale e consumo energetico è quindi evidente, così come lo sono gli effetti deleteri per l’ambiente, a partire dal rilascio di anidride carbonica nell’atmosfera.

By |2017-11-07T14:58:08+00:00novembre 7th, 2017|Economia, Informatica, News|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.